Impianti Dentali a Tirana, procedura e recupero in dettagli

Impianti Dentali a Tirana, procedura e recupero in dettagli
 Vista graficamente modificata di un impianto dentale dalla parte anteriore nella bocca di una donna di 35 anni
 Gli impianti dentali sono radici di denti artificiali utilizzati per supportare un restauro per uno o più denti mancanti, aiutando a fermare o prevenire la perdita dell'osso mascellare. La procedura di impianto è classificata come una forma di odontoiatria protesica (sostituzione artificiale), ma è anche considerata una forma di odontoiatria estetica.

Le persone che hanno perso i denti possono sentirsi troppo imbarazzate per sorridere o parlare. Inoltre, le irregolarità del morso causate dalla perdita dei denti possono avere un effetto negativo sulle abitudini alimentari, portando a problemi di salute secondari come la malnutrizione.

Sostituendo le radici dei denti mancanti, gli impianti dentali forniscono alle persone la forza e la stabilità necessarie per mangiare tutti i cibi che amano, senza faticare a masticare. Inoltre, aiutano a stimolare e mantenere l'osso mascellare, prevenendo la perdita ossea e aiutando a sostenere i lineamenti del viso.

Perdita dei denti

Una ragazza di 27 anni mostra il vuoto della mascella sinistra dove ha perso il dente
 Una ragazza di 27 anni mostra il vuoto della mascella sinistra dove ha perso il dente
I denti si perdano a causa di:

• Carie
• Fallimento del canale radicolare
• Malattie gengivali (parodontite)
• Trauma alla bocca (lesione al dente)
• Usura eccessiva
• Difetti congeniti

Consultazione

Per determinare se gli impianti sono adatti a te, è necessaria una consultazione con il tuo dentista, chirurgo orale e/o parodontologo o protesista. Durante questo appuntamento, il tuo dentista esaminerà a fondo denti e gengive e valuterà la densità e la quantità ossea. Ciò può comportare raggi X e scansioni di tomografia computerizzata (TC) per garantire che vi sia una struttura ossea sufficiente per posizionare gli impianti e per determinare esattamente dove devono essere posizionati.

In base alle condizioni dei tuoi tessuti orali, all'igiene orale e alle abitudini personali e all'impegno a seguire le istruzioni post-terapia, il tuo dentista ti consiglierà il piano di trattamento più appropriato. Alcuni pazienti con tessuto osseo o gengivale insufficiente richiedono innesti ossei o di tessuto molle e/o l'uso di impianti di piccolo diametro (chiamati anche mini impianti).

A seconda della tua situazione, il tuo dentista ti consiglierà quanto tempo impiegherà l'intero processo di trattamento, quanti appuntamenti saranno necessari e cosa puoi aspettarti dopo ogni procedura. Durante la consultazione, verranno discusse anche le opzioni per l'anestesia locale (per intorpidire le aree interessate e circostanti) e l'odontoiatria sedativa, se necessario. Durante questo incontro verrà discusso anche il costo stimato dei tuoi impianti dentali. I costi possono variare in modo significativo in base al tipo di trattamento che si opta (tra le altre cose).

Prima del trattamento

Eventuali problemi di salute orale sottostanti devono essere gestiti prima di poter prendere in considerazione l'impianto. Problemi comuni come carie e malattie gengivali possono rendere il trattamento meno efficace.

Se sei un fumatore, il tuo dentista ti consiglierà di smettere, poiché i fumatori corrono un rischio maggiore di insuccesso rispetto ai non fumatori. Il fumo può influenzare l'osteointegrazione, il processo mediante il quale un impianto dentale si ancora all'osso mascellare.

Una volta che il dentista ritiene che la tua bocca sia sufficientemente sana per il trattamento, può iniziare il trattamento personalizzato.

Posizionamento dell'impianto (i) - La procedura

I restauri implantari odierni sono praticamente indistinguibili dagli altri denti. Questo aspetto è in parte aiutato dalla connessione strutturale e funzionale tra l'impianto e l'osso vivo. La procedura viene generalmente eseguita in un'unica seduta ma richiede un periodo di osteointegrazione.


L'osteointegrazione è il processo mediante il quale l'impianto si ancora all'osso mascellare. Un impianto osteointegrato impiega da sei settimane a sei mesi per ancorarsi e guarire, a quel punto il tuo dentista può completare la procedura posizionando una corona, un ponte o una protesi ibrida. Se non si verifica l'osteointegrazione, l'impianto fallirà.

L'impianto dentale, che viene eseguito per sostituire i denti mancanti, può essere eseguito in qualsiasi momento dopo l'adolescenza o quando la crescita ossea è completa. Alcune condizioni mediche, come il diabete attivo, il cancro o la malattia parodontale, possono richiedere un trattamento aggiuntivo prima che la procedura possa essere eseguita.

Le fasi procedurali dettagliate sono le seguenti:

Preparazione della mascella per l'impianto: un impianto dentale e il suo restauro sono comunemente composti da una vite in materiale di titanio e da una corona. Un foro di piccolo diametro (foro pilota) viene praticato in siti mascellari edentuli (dove non sono presenti denti) per guidare in posizione l'impianto in titanio. Per evitare di danneggiare le strutture vitali della mascella e del viso come il nervo alveolare inferiore nella mandibola (mascella inferiore), un dentista deve usare grande abilità e competenza durante la perforazione del foro pilota e il dimensionamento dell'osso mascellare. In molti casi i dentisti utilizzano guide chirurgiche create sulla base delle scansioni TC quando posizionano gli impianti.

Il posizionamento: dopo che il foro pilota iniziale è stato praticato nel sito appropriato della mascella, viene allargato lentamente per consentire il posizionamento della vite dell'impianto. Una volta posizionato, il tessuto gengivale circostante viene fissato sull'impianto e una vite di copertura protettiva viene posizionata sulla parte superiore per consentire la guarigione del sito e l'osteointegrazione. Dopo un massimo di sei mesi di guarigione (di solito varia da 4 a 6 mesi), il dentista rivelerà l'impianto e attaccherà un moncone (che aiuta a fissare la corona o la sostituzione simile a un dente). In alcuni casi, il moncone può essere fissato durante la procedura iniziale. Quando il moncone è in posizione, il dentista realizzerà una corona provvisoria o definitiva. A volte la corona finale può essere realizzata lo stesso giorno in cui viene posizionato il moncone. La corona provvisoria funge da modello attorno al quale la gengiva cresce e si modella in modo naturale, se necessario. Il processo è completato quando la corona provvisoria viene sostituita con una corona definitiva.

Recupero, follow-up e assistenza

Il recupero dell'impianto dentale dipende da una serie di fattori, uno dei quali include le varie procedure necessarie per completare il trattamento. Tuttavia, è generalmente riconosciuto che una volta posizionato un impianto, il mantenimento di abitudini di igiene orale diligenti aiuta a garantire una corretta integrazione con la struttura ossea. Il mancato utilizzo del filo interdentale e dello spazzolino può contribuire al fallimento del trattamento. L'infezione può verificarsi se l'impianto e le aree circostanti non vengono pulite correttamente. Il fumo è anche attribuito ad alti tassi di insuccesso e dovrebbe essere evitato dopo le procedure di impianto.

Se i restauri provvisori sono stati posizionati insieme agli impianti, sarà importante pulirli come faresti con i tuoi denti naturali per garantire la migliore guarigione possibile.

Dopo la procedura chirurgica iniziale, il disagio dovrebbe essere minimo. Potrebbero verificarsi gonfiore delle gengive e del viso, nonché lievi emorragie e lividi del sito dell'impianto. I farmaci antidolorifici su prescrizione possono essere prescritti dal tuo dentista per alleviare il dolore o il disagio che senti dopo la procedura. Per cinque o sette giorni dopo l'intervento chirurgico, la dieta dovrebbe essere limitata a cibi morbidi. 

La guarigione dalla procedura chirurgica per posizionare l'impianto o gli impianti richiede fino a sei mesi, mentre il montaggio e il posizionamento della corona o delle corone possono richiedere fino a due mesi. Ancora una volta, questo lasso di tempo dipende dai singoli casi e trattamenti. Gli appuntamenti di follow-up con i coordinatori del trattamento sono essenziali per monitorare i tuoi progressi.

Se curato correttamente, può rimanere cosi per tutta la vita.

Tipi di impianti dentali

Più di 60 aziende in Europa producono impianti dentali e/o i materiali utilizzati per creare i restauri posizionati sopra di essi. Di conseguenza, i dentisti hanno molte opzioni per identificare il trattamento giusto per le esigenze specifiche del paziente. Tuttavia, tieni presente che se ti sottoponi a una procedura di impianto da parte di un dentista e poi vai da un altro dentista per una riparazione, il tuo nuovo dentista potrebbe avere un'esperienza limitata o non avere accesso ai componenti materiali utilizzati dal dentista precedente.

Foto delle logo delle aziende che producono impianti dentali
 Foto delle logo delle aziende che producono impianti dentali
Gli impianti dentali sono generalmente classificati in base al tipo di procedura utilizzata per posizionarli: a due stadi o a uno stadio.

Impianti a due stadi: una procedura a due stadi prevede un intervento chirurgico per posizionare l'impianto nell'osso mascellare e chiudere (cucire) il tessuto gengivale. Diversi mesi dopo la guarigione, viene eseguito un piccolo intervento chirurgico per fissare un moncone e una protesi (o corona) provvisoria.

Alcuni tipi di impianti dentali
Alcuni tipi di impianti dentali
Impianti endossei (endossei): posizionati nell'osso mascellare, gli endossei sono il tipo più comunemente usato per le procedure implantari in due fasi. Posizionati principalmente come alternativa a un ponte o a una protesi rimovibile, gli impianti endossei includono tipi a vite (filettati), tipi a cilindro (liscio) o tipi a lama.

Impianti dentali a stadio singolo: una procedura a stadio singolo prevede il posizionamento chirurgico di un impianto più lungo nella mascella in modo che sia sull'osso mascellare, con la parte superiore a livello del tessuto gengivale, dopodiché il tessuto gengivale viene chiuso (cucito), lasciando il cappa di guarigione dell'impianto visibile. Di conseguenza, dopo diversi mesi di guarigione, il moncone e la protesi provvisoria possono essere fissati senza la necessità di un piccolo intervento chirurgico per esporre la "testa".

Impianti sottoperiostali: posizionati sull'osso mascellare all'interno del tessuto gengivale, con il perno dell'impianto in metallo esposto per trattenere il restauro, gli impianti sottoperiostali sono usati raramente, se non mai, oggi. I sottoperiostali sono stati utilizzati principalmente per tenere in posizione protesi dentarie in pazienti con altezza ossea insufficiente.

Rivestimenti

Sebbene la maggior parte degli impianti dentali sia realizzata in titanio, la superficie, che influisce sull'integrazione a lungo termine e sulla stabilità del trattamento, può variare. Una superficie porosa contribuisce a un maggiore contatto con l'osso rispetto a una superficie in titanio lavorato. Altre superfici includono una superficie sabbiata o mordenzata con acido e ruvida, una superficie in titanio microscanalata o spruzzata al plasma e un rivestimento di idrossiapatite spruzzato al plasma e Zirconia (non metallica).

Connettori

Gli impianti possono anche essere classificati in base alla forma/tipo della loro testa. Tutti gli impianti richiedono che il restauro e iil moncone siano fissati o avvitati alla testa. A tale scopo, esistono tre tipi principali di connettori:

Connettori esagonali interni: a forma di esagono, un connettore esagonale interno è un'apertura nella testa dell'impianto in cui è avvitato il restauro/moncone.

Connettori esagonali esterni: anch'essi a forma di esagono, questi connettori si trovano sopra la testa dell'impianto.

Connettori ottagonali interni: a forma di ottagono, un connettore ottagonale interno presenta un'apertura nella testa dell'impianto in cui è avvitato il restauro/moncone.

Dimensioni dell'impianto

Un altro modo per classificare gli impianti si basa sulla loro dimensione (detta anche piattaforma), che determina dove possono essere generalmente posizionati in bocca. Tuttavia, ogni caso è diverso e le esigenze individuali di spaziatura e disponibilità ossea possono imporre l'uso di una dimensione diversa. L'apparecchiatura ha una dimensione della piattaforma così come la lunghezza, entrambi criteri importanti nella selezione dell'apparecchiatura.

Piattaforma standard: gli impianti dentali standard variano in dimensioni da 3,5 mm a 4,2 mm di diametro. Questi impianti relativamente più corti e più stretti sono più comunemente posizionati verso la parte anteriore della bocca.

Piattaforma ampia: gli impianti dentali a piattaforma larga variano in dimensioni da 4,5 mm a 6 mm di diametro e sono posizionati principalmente nella parte posteriore della bocca.

Mini o corpo stretto: gli impianti dentali mini o corpo stretto hanno dimensioni comprese tra 2 mm e 3,5 mm di diametro e vengono posizionati principalmente in pazienti con spazio tra le radici dei denti insufficiente per ospitare una dimensione maggiore. Possono anche essere posizionati quando il paziente ha una densità ossea insufficiente. A volte vengono utilizzati come supporto temporaneo per protesi provvisorie mentre gli impianti dentali convenzionali finali si osteointegrano.
  

CONVERSATION

 Perché scegliere noi?

Per soddisfare le esigenze dei nostri pazienti utilizziamo i migliori materiali ed offriamo garanzia per tutti i i lavori implantologici e protesici. I prodotti e le tecnologie da noi utilizzate, assicurando una grande accuratezza e qualità dei lavori di riabilitazione orale, provengono dalle aziende leader nella produzione in questo campo. Solo per fare alcuni esempi noi utilizziamo i prodotti delle seguenti aziende produtrici:

GC, Bisico, Dental Direkt, Ivoclar Vivadent, ETK.

Possiamo fornire certificati su tutti i materiali usati nella nostra clinica.

Il diritto di garanzia si applica a tutti i lavori da noi effettuati. La garanzia minima comincia da 5 anni a seconda dei casi e specifiche. Ogni servizio entro la garanzia e gratuito, includendo anche il biglietto del aereo.